Carlo Goldoni
Le pescatrici

ATTO PRIMO

SCENA DODICESIMA   Lindoro e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Lindoro e detti.

 

LIND.

Amici, oh qual contento

Provo al mio cor, poiché a quest'ombre uniti

In perfetta armonia ridenti io veggo.

MAST.

Sedete, se vi aggrada.

LIND.

Eccomi, io seggo.

NER.

(Oh quanto egli è bellino!)

LESB.

(Oh quanto è graziosino!)

EUR.

(Ahimè! quel vago aspetto

Un insolito ardor mi desta in petto).

BURL.

(Nerina, che cos'hai?)

NER.

Taci. (Un volto più bel non vidi mai).

FRIS.

Lesbina, sei sospesa?

LESB.

Lasciami star. (Son dal piacer sorpresa).

MAST.

Su via, signor, parlate.

EUR.

(Non vidi agli occhi miei luci più grate).

LIND.

Udite: or son tre lustri

Che al prence Casimiro

Tolse Oronte tiranno e trono e vita.

Della usurpata sede

V'era un'unica erede

Allor di fresco nata,

Da man pietosa al traditor celata.

Or che Oronte morì, che vuoto è il soglio,

Trovasi scritto un foglio

Che quell'unica erede allor serbata

Ci assicura fra voi viver celata.

Esamini in se stesso,

Esamini in altrui ciascuno il vero.

Ecco, venuto io sono

Per ricondur la principessa al trono.

NER.

(Un non so che di grande

Sentomi nel cuor mio).

LESB.

(Posso la principessa essere anch'io).

EUR.

(Felice a chi tal sorte

Il ciel concederà).

MAST.

(Svelar potrei

In Eurilda gentil la degna erede,

Ma al labbro di colui mio cor non crede).

BURL.

(Costei chi diavol ha?)

FRIS.

(Questa cosa mi pone in gelosia).

LIND.

Ognun tace? ognun resta

Sospeso a' detti miei? Orsù, m'udite:

Chi dentro a questo giorno

Vienmi a svelar la principessa ignota,

Avrà in premio un tesoro

Di ricche gemme e d'oro;

E chi segue a tenere il ver celato,

Il furor proverà d'un braccio irato. (s'alza)

 

 

Fiera strage dell'indegno

Il mio sdegno far saprà.

TUTTI

No, signor, non vi scaldate,

S'egli è ver, si scoprirà.

LIND.

Parto dunque, o gente amica

Della bella verità.

TUTTI

Ite; il ciel vi benedica,

E vi dia prosperità. (parte Lindoro)

 

MAST.

(Ah, non vorrei che fosse

Un'arte del tiranno:

Voglio prima scoprir se v'è l'inganno). (parte)

EUR.

(E pur sento che l'alma

D'una nuova lusinga or si compiace.

Perdo, ahimè! del mio cor l'antica pace). (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License