Carlo Goldoni
Le pescatrici

ATTO TERZO

SCENA SECONDA   Eurilda, Lindoro e seguito

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Eurilda, Lindoro e seguito.

 

LIND.

Sì, sì, verrà con noi.

Finché sposa non siete,

Sola meco venir voi non dovete.

EUR.

Sposa io dunque sarò?

LIND.

Sì, il ciel pietoso

A me, cara, destina

Tal beltà peregrina:

E s'io del vostro amor non sono indegno,

V'offro in faccia a Nettun la mano in pegno.

EUR.

Io, che d'amor nemica

Libera vissi ognora, appena vidi

Il vostro bel sembiante

Ad esser principiai tenera amante.

LIND.

Il vostro casto affetto

Viene dal ciel protetto.

EUR.

Ed io consacro il cuore

A voi, che siete il mio primiero amore.

 

Questa mano e questo core

Tutto vostro ognor sarà.

A voi giuro eterno amore

E costante fedeltà.

Ma sia pari il vostro affetto,

Pari in voi sia l'onestà.

Il tradirmi, o mio diletto,

Saria troppa crudeltà. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License