Carlo Goldoni
Le pescatrici

APPENDICE

SCENA QUINTA   Burlotto, poi Nerina

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Burlotto, poi Nerina

 

BURL.

Oh bella mascherata!

Nessuno mi conosce.

Ecco, torna Nerina;

Mi voglio divertire ancora un poco.

Voglio dell'infedel prendermi gioco.

NER.

Signor, che cosa fate?

Ve n'andate, scappate, e mi piantate?

BURL.

Mia bella, vi dirò, penso e ripenso;

E nel pensare un dubbio ancor mi resta,

Che mi fate provare il mal di testa.

NER.

Perché?

BURL.

Perché ho saputo

Che è di già prevenuto il vostro cuore,

Che voi amate un certo pescatore.

NER.

E vi par, signorino,

Che la bellezza mia

Sia cosa da mandare in pescheria?

BURL.

Ma pur so che l'amate.

NER.

No, signor, v'ingannate:

Burlotto non mi piace,

È un vil pescatoraccio,

È un omaccio, bruttaccio, è un asinaccio.

BURL.

(Ora m'appiccherei, se avessi un laccio).

NER.

Via, signor duca mio tanto cortese,

Menatemi al paese.

BURL.

Ma se avete mancato al pescatore,

Mancherete anche a me.

NER.

Non vi è pericolo.

Oh signor Burbanicolo,

Vi è una gran differenza;

Sempre sempre amerò vostra eccellenza.

BURL.

Quand'è così, mia cara,

Venite alla duchea di Spolverara.

 

Bella duchessa amabile,

Fedel come una tortora,

Fermo sarò qual rovere

Nell'adorarvi ognor.

NER.

Caro duchin godibile,

Gentil come una lodola,

Salda sarò qual marmore

Nel consacrarvi il cor.

BURL.

Ma il pescatore?

NER.

Lo mando al diavolo.

BURL.

Non ci pensate?

NER.

Né meno un cavolo.

BURL.

Ah, luci tenere

Della mia Venere,

M'ingannerò?

NER.

Non vi è pericolo:

Di Burbanicolo

Sempre sarò.

BURL.

Ma questi baffi

Non vi dispiacciono?

NER.

Per dirvi il vero,

Poco mi piacciono.

BURL.

Se lo bramate,

Li taglierò.

NER.

Se li tagliate,

Io riderò.

BURL.

Li ho tagliati, li ho tagliati. (si leva i baffi di nascosto)

NER.

Bravo, bravo... (Oh cosa vedo!)

BURL.

Duchessina...

NER.

Furbo, astuto,

Già vi avevo conoscituo :

Vi ho voluto secondar.

BURL.

Non mi lascio infinocchiar.

NER.

Burlottino, le mie viscere.

BURL.

Il mio caro Burbanicolo.

NER.

Io l'ho fatto sol per ridere.

BURL.

Vanne, vola via di qua.

NER.

Non mi credi?

BURL.

No, ti dico.

NER.

Mi discacci?

BURL.

Sì, ti mando.

NER.

Ti rimando.

a due

Via di qua.

NER.

Maledetto!

BURL.

Disgraziata!

Che sguaiata!

a due

Va in malora,

Via di qua. (partono)

 

Fine del Dramma.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License