Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO PRIMO

Scena Quarta. Checca, Beppo, paron Toni

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quarta. Checca, Beppo, paron Toni

 

Paron Toni - Via, Beppo, se avè da far qualcossa, andè.

Beppo - Eh, non ho da far gnente.

Paron Toni - Se no gh'avè da far vu, ho da far mi; andemo.

Beppo - (Ho inteso; nol vol che staga qua). (da sé) Checca, a revéderse.

Checchina - Beppo, voggieme ben.

Beppo - Sto cuor xe vostro.

Checchina - Sia benedetto el to cuor.

Paron Toni - Do novizzi che se vol ben, la xe una gran bella cossa. (parte)

Beppo - Cara culìa!13 (parte)

Checchina - Caro colù!14 Son la donna più contenta che sia a sto mondo. Quelle care mie zermane le m'aveva fatto vegnir caldo; ma de elle no ghe ne penso. Co Beppo me vol ben, co Beppo xe mio, ghe n'indormo a tutte ste pettegole, e no le vôi praticar. (parte)

 

 





p. -
13 culìa: colei.



14 colù: colui.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License