Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO PRIMO

Scena Quinta. Donna Catte con cestello di panni bianchi, Merlino con cesta in testa

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quinta. Donna Catte con cestello di panni bianchi, Merlino con cesta in testa

 

Strada.

 

Donna Catte - Via, andemo a portar sti drappi. Anemo, cammina.

Merlino - Oh, chisso lavorare non me peace.

Donna Catte - Se ti vol magnar in sto paese, bisogna che ti laori.

Merlino - Me peace chiù battere la birba, domannà la lemmosena.

Donna Catte - Certo; se ti domanderà la limosina, tutti te cazzerà via; va a laora, i te dirà, furbazzo, va a laora.

Merlino - Eh, io saccio fare lo mestiere mio. Varda: uno poco de lemmosena a chisso povero monco. (fa il monco) Facite la carità a chisso povero stroppiato. (fa lo stroppiato) La caretà a lo povero cieco. (fa il cieco) Moveteve a compassione de uno povero fravecatore, che caduto da una fraveca no po chiù lavorà. (cammina col preterito e colle mani)

Donna Catte - Va , che ti xe un bel fior de vertù! De che paese estu?

Merlino - Songo no degnissimo lazzarone napoletano.

Donna Catte - (Oh, da costù no me fazzo portar altro la cesta. El xe un baroncello, che me pol robar). (da sé) Tiò una gazzetta, e va a far i fatti toi.

Merlino - No me bolite chiù?

Donna Catte - No, no vôi altro.

Merlino - Managgia chi t'ha figliato, che te pozza vegnì tanti cancari, quanti ponti songo in tutta la giancheria de chisso cesto. Managgia pareto, mammeta, e tutta la generazione toia.

Donna Catte - Di' quel che ti vol, za mi no t'intendo.

Merlino - Bide, bide, chi te bole. (finge che sia chiamata)

Donna Catte - Cossa?

Merlino - Che tu puozze morì de subeto. T'hanno chiamato.

Donna Catte - Chi m'ha chiamà?

Merlino - Na segnora. , na segnora.

Donna Catte - Dove? Mi no la vedo... xela quella? (si volta, e Merlino ruba una camicia)

Merlino - Creiato de bossoria.

Donna Catte - Cossa diavolo distu, papagà maledetto?

Merlino - Pozz'essere accisa.

Donna Catte - Cossa distu?

Merlino - No m'hai caputo?

Donna Catte - No, non t'ho capuo.

Merlino - E se tu no m'haie caputo,

Saraie figlia de patre cornuto.

No malanno lo cielo te dia,

Mille cancari a bossoria.

(cantando e saltando parte)

Donna Catte - Oh siestu maledetto! Mi no l'intendo ben, ma credo che el m'abbia mandà. , anca mi lo mando col cuor. Me despiase de sta cesta; ma m'inzegnerò a portarla mi.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License