Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO PRIMO

Scena Sesta. Donna Sgualda con roba da vendere, e detta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sesta. Donna Sgualda con roba da vendere, e detta

 

Donna Sgualda - Oe, Catte, qua ti xe?

Donna Catte - Son qua che porto i drappi. Cossa distu de quelle lustrissime?

Donna Sgualda - Cara ti, tasi, che ti me fa vegnir el mio mal.

Donna Catte - Cossa gh'astu de bello da vender?

Donna Sgualda - Gh'ho una bella carpetta15 e una bella vestina. Ti che ti pratichi per ste case, varda de farmela dar via.

Donna Catte - Perché no? Ghe la mostristu a Checca?

Donna Sgualda - No la xe miga roba da par soo.

Donna Catte - Oh, cossa distu? No ti vedi in che boccon de aria che i' l'ha messa?

Donna Sgualda - Certo che quel mio zerman xe un pezzo de matto a spender tanti bezzi intorno so fia.

Donna Catte - Credistu che el spenda elo? Uh, povera matta!

Donna Sgualda - Mo chi spende?

Donna Catte - Oe! sior compare.

Donna Sgualda - Chi? Sior Pantalon?

Donna Catte - Giusto elo.

Donna Sgualda - Mo se no l'ha comprà gnanca quattro confetti!

Donna Catte - Ben; nol pol miga far tante cosse. Co el li spende da una banda, no el li spende dall'altra.

Donna Sgualda - E mio zerman no dise gnente?

Donna Catte - Cossa vustu che el diga? El lassa che i fazza.

Donna Sgualda - Lo compatisso, finalmente no la xe so fia.

Donna Catte - Cossa distu? Checca no xe so fia?

Donna Sgualda - Oe, me promettistu da donna onorata de no dir gnente a nissun?

Donna Catte - Oh, no ghpericolo che parla.

Donna Sgualda - Varda ben, veh? No lo dirave a nissun a sto mondo, altri che a ti.

Donna Catte - A mi ti me lo pol dir; ti sa che donna che son.

Donna Sgualda - Checca no xe fia de nostro zerman.

Donna Catte - Oh, cossa che ti me conti! Dime mo: de chi xela fia?

Donna Sgualda - No so. Donna Menega, bona memoria, muggier de paron Toni, l'ha confidà a mia mare, e mia mare me l'ha confidà a mi.

Donna Catte - Ma dove l'hai abua?

Donna Sgualda - Vedeu? Paron Toni va a viazando co la so tartana. I dise che l'abbia trovà sta putta fora de qua. Chi dise che la sia una mula; chi dise che la sia un potacchietto16 de paron Toni; chi dise che la sia una fufigna17 de donna Menega; tutti dise la soa.

Donna Catte - Dunque sta cossa la se sa da tutti.

Donna Sgualda - Oh, no veh da tutti. No lo sa altro che le mie amighe, che pratico tutto el zorno, e ti sa chi le xe; no ghpericolo che le parla.

Donna Catte - Ma gh'ho ben gusto, che ti me l'abbi contada a mi.

Donna Sgualda - Oh, vago via. A revéderse. Vôi andar a véder, se Checca vuol comprar sta roba.

Donna Catte - Varda che no ghe sia le lustrissime.

Donna Sgualda - Cossa credistu, che gh'abbia paura? Eh, co mi bisogna che le tasa, perché so tutti i so pettoloni.18 (parte)

Donna Catte - Oh vardè, chi l'avesse mai dito! Checca no xe fia de paron Toni? E mi l'ho trattada da zermana. Ben ben, se vegnirà l'occasion, se la gh'averà ardir de slongar la lengua con mi, saverò la maniera de mortificarla.

 

 





p. -
15 carpetta: gonnella.



16 potacchietto: imbroglio.



17 fufigna: ascosaglia, contrabbando.



18 pettoloni: mancamenti



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License