Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO PRIMO

Scena Settima. Anzoletta sartora, e Catte

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Settima. Anzoletta sartora, e Catte

 

Anzoletta - Oe, siora Catte, cara vu, insegnème dove che sta de casa siora Checca vostra zermana.

Donna Catte - Vardè, fia; andè zo per calle,19 passè el ponte, vederè a man zanca20 una corte; la xe la terza porta a man dretta.

Anzoletta - Grazie tanto.

Donna Catte - Cossa andeu a far da Checca?

Anzoletta - Ghe porto una vestina, che gh'ho fatto suso da niovo.

Donna Catte - Lassè véder mo.

Anzoletta - Vardè co bella che la xe.

Donna Catte - Oro? Oro, patrona? Povera sporca! Oro?

Anzoletta - Ve fe maraveggia?

Donna Catte - No voleu che me fazza maraveggia? E quel matto de mio zerman lassa che la fazza?

Anzoletta - La xe so fia, el ghe vol ben.

Donna Catte - Sì ben, so fia!

Anzoletta - Come! No la xe so fia?

Donna Catte - Oe, me prometteu de taser?

Anzoletta - Oh, mi no parlo! Savè che putta che son.

Donna Catte - Checca no xe fia de mio zerman Toni.

Anzoletta - Oh caspita!21 De chi xela fia?

Donna Catte - Sentì... ma zitto, vedè.

Anzoletta - Oh, no ve dubitè.

Donna Catte - La xe una mula.

Anzoletta - Oh, cossa che me contè!

Donna Catte - Ve lo confido a vu, che so che una putta prudente...

 

 





p. -
19 calle: strada angusta.



20 zanca: sinistra.



21 Oh caspita: capperi.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License