Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO PRIMO

Scena Ottava. Facchino e dette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ottava. Facchino e dette

 

Donna Catte - Oe, quel zovene, me faressi un servizio coi mi bezzi?

Facchino - Ve lo farò anca senza bezzi.

Donna Catte - Me porteressi sta cesta de drappi?

Facchino - Volentiera.

Donna Catte - Presto, andemo, perché ghe xe un lustrissimo che no se leva de letto, se no ghe porto la camisa da muarse. (parte col Facchino)

Anzoletta - Donca Checca no xe fia de paron Toni? La xe una... sior sì e ste cosse;22 e Beppo la sposa, el me lassa mi per ella? E mi laorerò per una etecettera?23 No vôi gnanca portarghe più sta vestina; se la la vol, che la la manda a tor; anderò a portar l'andrien alla lustrissima. Una sartora della mia sorte no serve quella sorte de zente. (parte)

 

 





p. -
22 Per non dir bastarda, che sembra una parola oscena.



23 etecettera: pure per non dir bastarda.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License