Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO PRIMO

Scena Dodicesima. Eleonora e Beatrice

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Dodicesima. Eleonora e Beatrice

 

Eleonora - Amica, posso venire?

Beatrice - Mi fate piacere.

Eleonora - Cosa dite di quelle femmine impertinenti di questa mattina?

Beatrice - Cosa volete ch'io dica? Sono insolentissime.

Eleonora - Mi dispiace per quella buona ragazza di Checca e per quel buon uomo di suo padre.

Beatrice - Ehi! Non sapete? Checca non è figlia di padron Toni.

Eleonora - No?

Beatrice - No certamente.

Eleonora - Chi ve l'ha detto?

Beatrice - Lo so di certo.

Eleonora - E di chi è figlia?

Beatrice - Lo sa il cielo.

Eleonora - E Beppo vuol fare un così bel matrimonio?

Beatrice - Povero giovine! è tradito. Non sa nulla.

Eleonora - Io a Beppo ho sempre voluto bene. Suo padre, che accudisce agli affari miei di campagna, me lo ha raccomandato, e non voglio lasciarlo precipitare.

Beatrice - Volete che lo mandiamo a chiamare?

Eleonora - Sì, mi farete piacere. Avvisiamolo il povero giovine.

Beatrice - Subito. Ehi, Checchino.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License