Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO SECONDO

Scena Quinta. Checchina ed Eleonora

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quinta. Checchina ed Eleonora

 

Checchina - Con bona grazia, posso vegnir?

Eleonora - Oh, Checchina, siete voi? Che miracolo?

Checchina - Lustrissima, son qua da ella a pregarla de una gran carità.

Eleonora - Dite; che far posso per voi?

Checchina - Vorria che la se degnasse de dirme, chi gh'ha dito a ella che mi no son fia de paron Toni.

Eleonora - Chi ha detto a voi, che io lo sappia?

Checchina - Me l'ha dito Beppo.

Eleonora - (Che ciarlone!) (da sé) Basta... Io non so nulla.

Checchina - Donca no xe vero che la lo abbia dito?

Eleonora - Sì, l'ho detto.

Checchina - Ma da chi l'ala sentìo a dir?

Eleonora - Non me ne ricordo.

Checchina - Lustrissima, no vorria che la fusse una fiabetta29 inventada per far che Beppo me abbandonasse.

Eleonora - Orsù, per farvi vedere che parlo con fondamento, vi dirò da chi l'ho saputo; ma avvertite, non parlate.

Checchina - Oh, no la s'indubita, no dirò gnente.

Eleonora - Me l'ha detto la signora Beatrice.

Checchina - Basta cussì. Grazie a vusustrissima.

Eleonora - Dove andate?

Checchina - Torno a casa.

Eleonora - È poi vero quello che si dice di voi?

Checchina - No xe vero gnente, le xe tutte busie, e vegniremo in chiaro de tutto. A bon reverirla.

Eleonora - Avvertite, non fate pettegolezzi.

Checchina - Oh, no ghpericolo.

Eleonora - Mi pento quasi d'essere entrata in questo imbroglio.

 

 





p. -
29 fiabetta: favoletta.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License