Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO SECONDO

Scena Decima. Checchina, poi Toffolo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Decima. Checchina, poi Toffolo

 

Strada.

 

Checchina - Che la vegna quella sporca della sartora: vôi ben che la se desdiga. Adesso vedo come ghe la xe; la fava l'amor con Beppo, Beppo l'ha lassada, e ella, per refarse, l'ha inventà ste belle fiabe.

Toffolo - Oh, qua la xe, siora Checca? La sartora adessadesso vegnirà a casa.

Checchina - Dove xela?

Toffolo - La xe qua in calle, adesso la vien. Ghe n'ha volesto a moverla. No la voleva vegnir.

Checchina - Desgraziada!30 La sa la so conscienza.

Toffolo - Eccola qua.

Checchina - Andè a casa, che adesso vegno.

Toffolo - (Cossa che me piase sta putta. Mi so tutto, e tant'e tanto la sposerìa). (da sé, parte)

Checchina - Me vien un caldo che no posso più; ma in strada vôi usar prudenza.





p. -
30 Desgraziada: scellerata.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License