Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO SECONDO

Scena Undicesima. Anzoletta e detta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Undicesima. Anzoletta e detta

 

Anzoletta - Cara siora, compatime se no son vegnua avanti. Gh'ho tanto laorier, che no me posso partir; e po vardè, m'ho ponto un déo, e no posso laorar.

Checchina - Sarave meggio che v'avessi ponto la lengua.

Anzoletta - Oe, come parleu, siora?

Checchina - Diseme, siora pettegola, aveu dito vu che mi no son fia de mio pare?

Anzoletta - Mi no digo busie. Sì ben, l'ho dito.

Checchina - E come lo podeu dir?

Anzoletta - Me l'ha dito a mi siora Catte lavandera.

Checchina - Siora Catte lavandera?

Anzoletta - Sì ben, giusto ella.

Checchina - Oe, la sta qua de casa. Adesso lo so subito.

Anzoletta - Bondì sioria. Mi no vôi pettegolezzi.

Checchina - Vegnì qua; dove andeu?

Anzoletta - Mi vago a casa. Se volè la vestina, mandèvela a tor. (parte)

Checchina - Aspettè, sentì; eh, no m'importa della vestina. Vôi parlar co mia zermana Catte. Oe, ghe seu in casa? (batte alla porta)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License