Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO SECONDO

Scena Dodicesima. Catte e detta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Dodicesima. Catte e detta

 

Donna Catte - Oe, seu vu, zermana?

Checchina - Sì ben, son mi.

Donna Catte - Voleu gnente?

Checchina - Siora sì; vôi qualcossa.

Donna Catte - Coss'è? Seu instizzada?

Checchina - Diseme un poco, siora zermana: cossa seu andada a dir, che mi no son fia de vostro zerman Toni?

Donna Catte - Mi no l'ho dito.

Checchina - Sì ben che l'avè dito.

Donna Catte - Via, a chi l'oggio dito?

Checchina - A Anzoletta sartora.

Donna Catte - (Oh che pettazza!) (da sé) Senti, Checca, mi no digo de no averlo dito; ma no me l'ho inventà.

Checchina - Se no ve l'avè inventà, saverè come che parlè.

Donna Catte - Oe, me l'ha dito Sgualda.

Checchina - Sgualda? Adesso mo. Vôi sentir da dove xe vegnua sta chiaccola.

Donna Catte - Oe, mi no voggio pettegolezzi. (va in casa)

Checchina - Sgualda. (batte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License