Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO SECONDO

Scena Tredicesima. Sgualda e detta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Tredicesima. Sgualda e detta

 

Donna Sgualda - Chi me chiama?

Checchina - Son mi, siora, son mi.

Donna Sgualda - Cossa gh'è? Cossa voleu?

Checchina - Seu vu quella cara siora, che va disendo che mi no son fia de vostro zerman?

Donna Sgualda - Oh, chi v'ha dito ste cosse?

Checchina - Donna Catte, che vu ghe l'avè pettada.31

Donna Sgualda - Mi no petto busie, sorella cara; se l'ho dito, sarà la verità.

Checchina - Come lo podeu dir?

Donna Sgualda - L'ho dito, perché chi me l'ha dito, lo saveva de certo.

Checchina - Oh, vôi saver chi ve l'ha dito; e chi ve l'ha dito a vu, vôi che me lo mantegna anca a mi.

Donna Sgualda - A mi me l'ha dito mia mare.

Checchina - Oh, vôi che la me diga... Ma se la xe morta che xe do anni.

Donna Sgualda - Seguro che da ella no podè saver gnente.

Checchina - Ma con che fondamento v'ala dito ste cosse? Via diseme, parlè, vôi saver tutto.

Donna Sgualda - Oe, chi gh'ha la rogna, se la gratta. Mi no voggio pettegolezzi. (va in casa)

 

 





p. -
31 l'avè pettada: data ad intendere.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License