Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO SECONDO

Scena Ventunesima. Sgualda e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ventunesima. Sgualda e detti

 

Donna Sgualda - Vardè! Quelle lustrissime le credeva de farme paura! E sì son nassua de carneval; no gh'ho paura de brutti musi.

Salamina - Questa donna è uscita di quella casa; voglio domandarle se conosce paron Toni.

Donna Sgualda - (Oe, chi xe sta mustacchiera?41 (da sé)

Salamina - Riverisco quella giovine.

Donna Sgualda - Patron reverito.

Salamina - Ditemi un poco...

Donna Sgualda - La favorissa de starme alla larga; ghe sento, sala?

Salamina - Io non intendo oltraggiarvi. Ditemi, conoscete voi un certo padron Toni Fongo?

Donna Sgualda - Se lo cognosso? El xe mio zerman.

Salamina - Buono, ho piacere. È egli in Venezia?

Donna Sgualda - Sior sì, el xe a Venezia.

Salamina - Favorite, in grazia. Ha egli seco una ragazza?

Donna Sgualda - Sior sì, el gh'ha una putta che passa per so fia; ma no la xe so fia.

Salamina - (Cielo, ti ringrazio; ecco la mia figliuola). (da sé) E si sa di chi ella sia figlia?

Donna Sgualda - No se sa gnente. Paron Toni ha dito che la giera soa.

Salamina - (Oh che consolazione!) (da sé) Ditemi, è ella bella, spiritosa, savia, modesta, civile?

Donna Sgualda - Anca42 che la xe so fia, sior?

Salamina - Non so nulla... Datemi di lei relazione.

Donna Sgualda - Me despiase che poche bone informazion ghe posso dar.

Salamina - Per qual causa?

Donna Sgualda - Mi son una donna schietta, e digo la verità. La sappia, sior, che la xe promessa a un putto, fio de un fattor; ma ghe pratica per casa un compare, che da dir a tutti, e mi, la me creda, me vergogno che i diga che son so zermana.

Salamina - (Oh Dio! Cosa sento?) (da sé)

Donna Sgualda - La xe po superba quel che sta ben; e in materia de lengua, no ghe xe una pettegola compagna.

Salamina - (Oh figlia peggio ritrovata, che se perduta ti avessi!) (da sé)

Donna Sgualda - In verità, sior, che se la xe so fia, me despiase; ma mi no posso taser, bisogna che diga la verità.

Salamina - No, non è mia figlia. (Non merita esserlo). (da sé)

Donna Sgualda - Se no la xe so fia, vedo che el sa de chi la xe.

Salamina - Sì, lo so. È figlia qui di costui. (accenna )

Donna Sgualda - No elo quello che vendeva bagiggi?43

Musa - Me cognossira?

Donna Sgualda - Sì, te cognossira.

Salamina - (Misero sventurato Ottavio! Ma colui che l'ha sì male educata, me ne dovrà render conto). (da sé, parte)

Musa - Me cognossira?

Donna Sgualda - Ho dito de sì.

Musa - Se me cognossira, mi da ti venira quando bolira. (parte)

Donna Sgualda - Un corno che t'impira. Oh cossa che ho savesto! Checca xe fia de Bagiggi? Adessadesso. Oe, Catte.

 

 





p. -
41 mustacchiera: uomo che ha lunghi mustacchi.



42 Anca: e che sì.



43 quello… bagiggi: uomo vestito alla levantina, che vendeva bagiggi.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License