Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO SECONDO

Scena Ventiquattresima. Sgualda col zendale e dette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ventiquattresima. Sgualda col zendale e dette

 

Anzoletta - Aveu savesto, donna Sgualda, de chi la xe fia Checca?

Donna Sgualda - Varè che casi! Mi l'ho savesto avanti de tutte.

Donna Catte - Aspetteme che tiogo el ninzoletto,45 e vegno anca mi. (va in casa, e ritorna)

Anzoletta - Lo saveu de seguro?

Donna Sgualda - Se ho parlà mi co so pare.

Anzoletta - In verità, che vôi che ridemo.

Donna Catte - Oh son qua, andemo.

Anzoletta - Vegno anca mi co vualtre.

Donna Sgualda - Sì sì, che faremo un poco de baccan.

Donna Catte - O che cara siora Checca!

A tre - A bagiggi, a bagiggi, a bagiggi. (partono)

 

(Gridano unitamente, come soleva fare colui che vendeva un tal frutto)






p. -
45 ninzoletto: pannolino da testa di cui usano le povere donne in luogo del zendale.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License