Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO TERZO

Scena Prima. Pantalone, Checca e Beppo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO TERZO

 

Scena Prima. Pantalone, Checca e Beppo

 

Camera di Checca.

 

Pantalone - Via, putti, quieteve, e stè sora de mi, che no ghe xe gnente de mal. Paron Toni m'ha contà tutto. A Corfù ghe xe stà consegnà una putella de tre anni da un marcante, per menarla a Venezia. El l'ha tolta, e per viazo el s'ha tanto innamorà in quelle care raìse,46 che nol gh'aveva cuor de lassarla. In sto mentre i ha abuo la niova che so sior pare, navegando verso la Morea, xe stà fatto schiavo; onde paron Toni, d'accordo co so muggier, i s'ha tegnù la putella; e siccome i giera stai qualche anno in Levante, i ha da intender a Venezia, che la giera so fia.

Checchina - Via, sior, me direu più che sia una bastarda? (a Beppo)

Beppo - Mi no ve dirò gnente; ma no se sa gnancora chi sia vostro pare.

Pantalone - Co mi ve assicuro che la xe fia de un omo civil, de un bon marcante che gh'ha la disgrazia d'esser schiavo, ma che xe un galantomo, no ve basta? Me credeu a mi, che son vostro compare?

Beppo - Sior sì, ve credo, e xe tanto el ben che voggio a Checca, che tutto me basta, purché possa salvar in qualche modo la mia reputazion.

Pantalone - Via, seguitè a volerve ben, e lassè andar la malinconia.

Beppo - Cara la mia cara Checchina. (si accosta)

Checchina - Via, sior, andè via de qua, che son una bastarda. (sdegnosa)

Pantalone - Vedeu? La xe instizzada.

Beppo - Mo via, no me tormentè. Savè che ve voggio ben.

Checchina - Se m'avessi volesto ben, no averessi dito de volerme lassar.

Pantalone - Sentìu? La gh'ha rason.

Beppo - Sia malignazo chi xe stà causa.

Pantalone - Causa i pettegolezzi. Ma via, quel che xe stà, xe stà. Fenimola, e no ghe ne parlemo più. Vegnì qua, deme la man. (a Beppo)

Beppo - Volentiera, sior compare.

Pantalone - Anca vu, comare, qua.

Checchina - Mi no, vedè.

Pantalone - Perché mo no?

Checchina - Perché son una mu...

Pantalone - Zitto , no disè più ste brutte parole. Deme la man.

Checchina - No ve vôi dar gnente.

Pantalone - Via, no ve fe pregar.

Checchina - Ve digo de no.

Pantalone - Sentì, se sarè ustinada, i dirà che xe la verità che mu...

Checchina - Tolè, tolè la man.

Pantalone - Oh brava! Pulito. Via, cari novizzetti, tocchèvela, e fe pase.

Checchina - Can, sassin. (sdegnosetta, a Beppo)

Beppo - No, vita mia.

Checchina - Ti me volevi lassar.

Beppo - No, vissere mie.

Pantalone - Via, baroni, me fe vegnir l'acqua in bocca.

Beppo - Sior compare, quando faremio le nozze?

Pantalone - Paron Toni ha dito da qua diese o dodese zorni.

Beppo - Oh giusto, da qua diese o dodese zorni?

Pantalone - Ve par troppo presto?

Checchina - Me par che le se poderia far doman o doman l'altro.

Beppo - Oh giusto! Doman o doman l'altro?

Pantalone - Ghe vol el so tempo, n'è vero? (a Beppo)

Beppo - No le se poderia far stassera?

Pantalone - Oh che baroni! Oh che desgraziai! Se ghe fusse paron Toni, vorria persuaderlo a destrigarse. Orsù, mi bisogna che vaga via.

Beppo - La se comoda.

Pantalone - Che me comoda? E vu resterè qua?

Checchina - No xelo el mio novizzo?

Pantalone - Oh, no lasso el novizzo co la novizza. Paron Toni xe stà mandà a chiamar da un foresto; el m'ha lassà mi in custodia della putta, e no vôi... Basta; Beppo, vegnì co mi.

Beppo - Farò quel che la comanda, sior compare.

Checchina - Vardè che sesti!47 El me lo mena via.

Pantalone - Cara fia, abbiè pazienza. Col sarà vostro marìo, el starà con vu quanto che volè.

Checchina - Ghe vol i argani a far che el sia mio marìo?

Pantalone - Orsù, stassera, se posso, vôi che ve destrighè.

Beppo - Oh bravo, sior compare.

Checchina - Oh magari,48 sior compare.

Beppo - Oh benedetto sior compare!

Checchina - Oh caro sior compare!

Pantalone - Via, andemo, che sto comparezzo49 me struppia.

Beppo - Bondì, vita mia.

Checchina - Vien presto, muso bello.

Beppo - Andemo, sior compare.

Checchina - Me raccomando a ella, sior compare.

Beppo - Benedetto sior compare!

Checchina - Caro sior compare!

Pantalone - Mai più compare, mai più compare. (parte con Beppo)

Checchina - Manco mal che s'ha scoverto la verità. Vardè quanti pettegolezzi che aveva fatto quelle donne! E mi, poverazza, squasi più ho tolto de mezzo.

 

 





p. -
46 raìse: radici che sono intorno al cuore: metafora.



47 che sesti: maniera di procedere:



48 Oh magari: il ciel volesse.



49 comparezzo: comparesimo.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License