Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO TERZO

Scena Quarta. Sgualda, poi Anzoletta e detto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quarta. Sgualda, poi Anzoletta e detto

 

Donna Sgualda - Abagiggi, abagiggi.

Beppo - Siora donna Sgualda, saveu chi sia vostra zermana Checca?

Donna Sgualda - Abagiggi, abagiggi. (va in casa)

Beppo - Anca questa la gh'ha coi bagiggi. Mi no la so intender.

Anzoletta - (Velo qua el sior novizzo). (da sé)

Beppo - E vu, siora Anzoletta, saveu chi sia Checchina?

Anzoletta - Oh sior sì, lo so.

Beppo - Via mo, chi xela?

Anzoletta - La xe fia de quel che vende bagiggi.

Beppo - Cossa! Fia de quel dai bagiggi?

Anzoletta - Oh caro! Vegnìu dalla villa? El saverè meggio de mi.

Beppo - Siora Anzoletta, vu me fe morir. Chi v'ha dito sta cossa?

Anzoletta - Chi me l'ha dito? Xela una cossa sconta?51 Lo sa mezza Venezia. So pare xe arrivà ancuo,52 e doman lo vederè in piazza a criar abagiggi.

Beppo - Questo donca xe el marcante forastier pare de Checca! O poveretto mi! Siora Anzoletta, ho paura che me burlè.

Anzoletta - Oe, se no me credè a mi, domandè a donna Sgualda e a donna Catte, e po domandè a tutti della contrada, che tutti lo sa e tutti ride. Oh, che caro sior novizzo! Abagiggi. (parte)

Beppo - Oh Dio! Me sento a morir. Se sta cossa xe vera, come oio da far a sposarla? Vôi sentir come che la xe. Oe, donna Catte. (batte)

 

 





p. -
51 sconta: occulta.



52 ancuo: oggi.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License