Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO TERZO

Scena Sesta. Sgualda e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sesta. Sgualda e detti

 

Donna Sgualda - Chi me chiama?

Donna Catte - Oe, cónteghe mo de Checca.

Donna Sgualda - Che cade! la xe fia de Abagiggi.

Beppo - Son fora de mi. Vardè che no fallè.

Donna Sgualda - Ho parlà mi co so pare.

Donna Catte - El xe qua, el xe qua, el xe a Venezia.

Donna Sgualda - Se vedessi che fegura!

Donna Catte - Se vedessi che bella barba!

Donna Sgualda - Che bel missier che gh'averè!

Donna Catte - Che bon parentà che farè!

Donna Sgualda - Oh che bel maridozzo!53

Donna Catte - Oh che novizza civil!

Donna Sgualda - Oe, se vorrè far el mestier de vostro missier, farè poca fadiga. Anderè co una cesta a criar abagiggi.

Donna Catte - Oh che bella fegura che farè! Abagiggi.

A due - Abagiggi, abagiggi. (entrano nelle loro case gridando)

Beppo - Son coppà. Son morto, no posso più. Mi che se diga che ho sposà la fia de un omo che no xe stimà gnente, de un omo che xe da tutti burlà? No sarà mai vero. A Checca ghe voggio ben. Morirò, se la lasso; ma lassarla bisognerà.

 

 





p. -
53 maridozzo: matrimonio.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License