Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO TERZO

Scena Settima. Checca in zendale e detto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Settima. Checca in zendale e detto

 

Checchina - Oh Beppo! Giusto vu ve cercava.

Beppo - Oh poveretto mi!

Checchina - Sappiè che xe vegnù a Venezia mio pare vero.

Beppo - Eh, el so, el so.

Checchina - Coss'è, gh'aveu paura che nol voggia che ve toga? Gh'aveu paura che nol se degna?

Beppo - Come! che nol se degna? Un omo de quella sorte no s'ha da degnar de mi? M'aveu in concetto che sia pezo de vostro pare?

Checchina - Mo cossa xelo mio pare? I m'ha dito che el xe un marcante.

Beppo - Sì ben, un marcante che gh'ha un bon negozio. L'aveu visto? Lo cognosseu?

Checchina - No l'ho gnancora visto.

Beppo - Saveu chi el xe vostro pare?

Checchina - Via mo, chi xelo?

Beppo - Ah pazienzia!

Checchina - Via, diseme chi el xe.

Beppo - Povera Checchina!

Checchina - Chi xelo? El boggia?

Beppo - El xe quell'omo che vende i bagiggi.

Checchina - Quello... mio pare?

Beppo - Me schioppa el cuor... no posso più.

Checchina - Caro Beppo, me par impussibile.

Beppo - Pur troppo xe la verità.

Checchina - Donca cossa sarà de mi?

Beppo - Mio sior pare no vorrà che ve sposa.

Checchina - E vu me lasserè?

Beppo - E mi morirò.

Checchina - Ah, se me volessi ben, no diressi cussì.

Beppo - Cara Checca, mio sior pare xe un omo civil; el serve da fattor, ma el xe nato ben. Gh'ho dei parenti che xe più de mi... Oh Dio! No so quala far...

Checchina - Via, lasseme, abbandoneme. So mi cossa che ho da far.

Beppo - Cossa gh'aveu intenzion de far?

Checchina - De buttarme in t'un pozzo.

Beppo - No, vita mia, no disè cussì.

Checchina - O sposeme, o me nego.

Beppo - Vien zente.

Checchina - Chi xeli?

Beppo - Oh Dio! Cossa védio?

Checchina - Cossa aveu visto?

Beppo - Vostro pare.

Checchina - Qualo?

Beppo - Quel dai bagiggi.

Checchina - Me vien i suori freddi.

Beppo - No lo voggio vardar. Checchina, anema mia, compatime... se vederemo. (parte)

Checchina - Povera sfortunada! Podévio aspettar de pezo?

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License