Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO TERZO

Scena Decima. Beatrice alla finestra, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Decima. Beatrice alla finestra, e detti

 

Beatrice - Ecco il graziosissimo signor Lelio.

Arlecchino - Qua i ha resposo, sotto vu. Qua l'è averto, drento mi. Vu consoleve i occhi, mi me consolerò el naso, perché né vu, né mi, non avemo un quattrin da consolar el nostro appetito. (entra nell'osteria)

Lelio - M'inchino al vostro bello.

Beatrice - Ed io al vostro brutto.

Lelio - Signora, abbiate pietà di me.

Beatrice - In verità, che vi compatisco.

Lelio - Sì? Mi compatite? Mi amate?

Beatrice - Vi compatisco, ma non vi amo.

Lelio - Se non mi amate, perché mi compatite?

Beatrice - Vi compatisco, perché siete un pazzo. (parte)

Lelio - Oh Dio! Che mortal colpo al mio cuore! Io pazzo? Io che nella delicatezza d'amare non cedo ai più teneri amoretti della reggia d'amore? Ma se costei mi sprezza, Eleonora sarà più grata, sarà più giusta, sarà del merito conoscitrice e pietosa. O di casa! (batte all'altra casa)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License