Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO TERZO

Scena Quattordicesima. Beppo e dette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quattordicesima. Beppo e dette

 

Beppo - Creature, aveu visto Checca?

Donna Sgualda - Sior sì, l'ho vista.

Beppo - Poverazza! Dalla desperazion la va via co fa una matta. Dove l'aveu vista? Dove xela andada?

Donna Catte - Eh, la xe poco lontana.

Donna Sgualda - Eh, no ve travaggiè no, che la sta ben.

Beppo - Per carità, diseme, dove xela?

Donna Catte - Oe, la xe all'osteria.

Beppo - All'osteria? A cossa far?

Donna Sgualda - A devertirse.

Beppo - Con chi xela?

Donna Catte - Con un paregin in perrucca.

Beppo - Ah siora Catte! vu me burlè.

Donna Catte - Oe, Sgualda, el dise che lo burlo.

Donna Sgualda - Saveu chi ve burla? Quella desgraziada de Checca. La xe all'osteria con un foresto.

Beppo - Oimè! Cossa séntio?

Donna Sgualda - E se no credè, andè drento e vederè.

Donna Catte - Oe, abrazzai i giera. No ve digo altro. (in atto di partire)

Donna Sgualda - Oe, el se l'ha portada drento. (in atto di partire)

Donna Catte - Qua in prubrico,56 senza suggizion.

Donna Sgualda - Oe, la gh'ha el foresto.

Donna Catte - Povero putto! Me fe peccà. (parte)

Donna Sgualda - Altro che bagiggi! La xe roba da osteria. (parte)

Beppo - Gnancora nol posso creder. Ste pettegole no le merita fede. No, no sarà vero. Ma me voggio chiarir. Oe dall'osteria: ghnissun?

 

 





p. -
56 prubrico: pubblico.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License