Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO TERZO

Scena Sedicesima. Arlecchino dall'osteria e detto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sedicesima. Arlecchino dall'osteria e detto

 

Arlecchino - O de ruffe, o de raffe, ho magnà qualcossa, e per ancuo stago ben.

Beppo - Sior Arlecchin, diseme, caro vu, za che vegnì da quell'osteria, aveu visto Checchina?

Arlecchino - Oh, se l'ho vista!

Beppo - Cossa fala all'osteria?

Arlecchino - L'è in t'una camera col me patrono.

Beppo - Oh Dio! A cossa far?

Arlecchino - «Qui potest capere, capiat.» (parte)

Beppo - Ma chi l'avesse mai dito, che una putta de quella sorte avesse da buttar cussì mal! Ma, oh Dio! Ho paura che l'abbia perso el cervello, e che per causa mia la sia deventada matta.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License