Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO TERZO

Scena Diciassettesima. Salamina, Musa, Toni, Pantalone e Beppo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Diciassettesima. Salamina, Musa, Toni, Pantalone e Beppo

 

Pantalone - Oh, velo qua. Ve cerchemo per tutto.

Paron Toni - Xe qua el pare de Checca, che xe contento che la sposè, e ve vol abrazzar.

Beppo - Che bel matrimonio che me vorressi far far!

Paron Toni - Perché?

Beppo - Farme sposar la fia de Bagiggi?

Paron Toni - Chi v'ha dito sta bestialità?

Musa - Mi non avira fiola.

Pantalone - Fallè, compare, fallè.

Salamina - Signore, io sono il padre di Checchina, e sono un mercante onorato.

Beppo - Vu ? Questo xe el pare da Checca? (a Toni)

Paron Toni - Sì ben, questo. Un omo civil, che xe stà in gran fortune, e che ghe tornerà in poco tempo.

Beppo - Questo xe so pare? (a Pantalone)

Pantalone - Sior sì, el sior Ottavio Aretusi, omo de merito e de condizion.

Beppo - Ah, poveretto mi!

Pantalone - Cossa xe? Cossa xe stà?

Beppo - Vu pare de Checca? (a Salamina)

Salamina -signore, io.

Beppo - Oh, poveretto vu! Oh, poveretto mi!

Salamina - Voi mi fate tremare.

Pantalone - Bisogna che ghe sia qualche gran novità.

Paron Toni - Caro Beppo, no me tegnì più in pena, parlè.

Beppo - Saveu dove che xe Checca?

Paron Toni - Dove? No la xe a casa?

Beppo - La xe in quell'osteria.

Paron Toni - In osteria? A cossa far?

Beppo - La xe con un foresto.

Pantalone - Cossa diavolo diseu?

Beppo - Sì, con un foresto abrazzada, la xe andada in quell'osteria.

Salamina - Ah, dunque sarà vero quel che di Checca mi hanno raccontato le buone femmine.

Pantalone - No pol esser, no pol star.

Paron Toni - Me par impussibile.

Beppo - Son certo, son seguro, la ghe xe, la me tradisce, no la merita amor, vago via, e no sperè de véderme più. (parte)

Pantalone - Fermeve, sentì; oe, mi ghe vago drio, e vualtri andè all'osteria, e chiarive de sta verità. Oe, sior compare! Sì, el va che el svola. Sta volta, a esser compare, rischio de romperme qualche gamba. (parte correndo)

Salamina - Che dite, paron Toni?

Paron Toni - Digo che, se no vedo, no credo. Andemo all'osteria; andemo a véder.

Salamina - Io non ci voglio venire. Non voglio maggiormente affliggermi colla vista d'una figlia indegna.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License