Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO TERZO

Scena Ultima. Sgualda, Catte e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ultima. Sgualda, Catte e detti

 

Donna Sgualda - Coss'è sto strepito?

Donna Catte - Cossè sta allegria?

Pantalone - No vedè? Checchina s'ha fatto novizza.

Donna Sgualda - Abagiggi. (colla solita caricatura)

Donna Catte - Abagiggi.

Musa - Cosa volira da Abagiggia?

Donna Sgualda - Varè el pare della novizza.

Donna Catte - Varè el missier de Beppo.

Pantalone - Siore no, siore pettegole. El pare de Checca, el missier de Beppo, el xe sto sior, un mercante de credito e de reputazion.

Donna Sgualda - Eh via!

Donna Catte - Diseu da senno?

Beppo - pettegole, male lengue. Checca xe una putta civil, e una putta onesta.

Donna Sgualda - In veritae, che gh'ho gusto.

Donna Catte - Siestu benedetta! Zermana, me rallegro.

Donna Sgualda - La sarà andada all'osteria cussì per divertimento.

Donna Catte - Sì ben, per sorar57 un tantin. No miga per mal; n'è vero, fia?

Beatrice - Poverina! Per causa vostra è svenuta e quasi morta.

Eleonora - Quel signore l'ha assistita per carità, e l'ha condotta nell'osteria per farla rinvenire.

Lelio - Sì, io, io, il protettor delle donne.

Donna Sgualda - Oh caro lustrissimo, l'ha fatto ben; gh'ho tanto a caro che mai più. La xe mia zermana, sala?

Donna Catte - Poveretta! Ti ghe n'ha passà la to parte. Vien qua, zermana; lassa che te daga un baso.

Checchina - Andè via, siora, no gh'ho bisogno dei vostri basi.

Donna Sgualda - Via, via, vien qua; femo pase.

Checchina - Andè via, pettegole. No ve vôi praticar.

Donna Sgualda - Coss'è, siora? Ghe móntela?

Donna Catte - Varè che spuzza!

Donna Sgualda - Semo pettegole.

Donna Catte - No la vol basi.

Paron Toni - Voleu fenirla?

Pantalone - Seu gnancora stufe?

Donna Catte - Lustrissima siora novizza, tiolè sto canelao.58 (parte)

Checchina - Frasconazza!

Donna Sgualda - Oh la veda, cara ella, la me la conta ben granda. Tolè sto parpagnacco.59 (parte)

Checchina - Malignaze! Debotto le me fa pianzer.

Beppo - No, vita mia, no pianzè. Sior missier, andemo in casa per carità.

Salamina - Sì, andiamo. Voi siete la mia unica figlia. Non sono miserabile. Risorgerà la mia casa, e tutto farò per voi.

Musa - E mi a to nozze donar abagiggia.

Checchina - Eh, sior Abagiggi caro, m'avè fatto suspirar la mia parte.

Musa - Mi non avira colpa, te perdonara.

Beatrice - Compatite anche me, se innocentemente vi ho pregiudicato.

Eleonora - Ed io parimente vi chiedo scusa.

Lelio - Signore mie, senza pregiudicare al merito del loro sesso, che stimo e venero infinitamente, ora ho imparato un non so che di più circa alle donne, che mi obbliga a ritirarmi e a star lontano, per fuggire l'incontro dei loro graziosissimi pettegolezzi.

Beatrice - Il pazzo ci tocca sul vivo.

Eleonora - È venuta la sua, e si è voluto rifare.

Pantalone - Via, destrighemose, e andemo a casa.

Beppo - Oh quanti pettegolezzi!

Checchina - Per causa de quelle pettegole son stada travaggiada, e squasi in stato de desperazion. Che le me staga lontan, no le voggio più per i piè. Sia ringrazià el cielo, adesso sarò contenta. Ho trovà el pare, ho tornà a recuperar el novizzo, viverò quieta in pase; e la maniera de viver ben, xe praticar poco e star lontan dai Pettegolezzi; perché da questi per el più nasse la rovina delle fameggie.

 

 

Fine della Commedia

 





p. -
57 sorar: sollevarsi.



58 Canelao: maniera di scherno, che si fa scrollando la mano, e facendo batter l'indice ed il medio fra di loro.



59 parpagnacco: maniera ingiuriosa, che si fa appoggiando le punte delle dita sopra il rovesio dell'altra mano, facendovi poscia battere il polso.

Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License