Carlo Goldoni
Il poeta fanatico

ATTO SECONDO

SCENA DODICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Brighella da bidello e Beatrice

 

BRIGH. Signora padrona, me rallegro che la sia deventada amiga della poesia.

BEAT. (Ha parole, ha versi, ha concetti, che farebbero innamorare i sassi). (da sé)

BRIGH. Comandela che ghe recita una ottavetta?

BEAT. Eh, non voglio sentire le tue freddure.

BRIGH. Anca mi me inzegno. Son anca mi un pochettin poeta.

BEAT. Va al diavolo tu e la tua poesia.

BRIGH. Ma el patron m’ha dito che anca ella la scomenza a dilettarse de sta bella virtù.

BEAT. Tu e il tuo padrone siete due pazzi. (parte)

BRIGH. Bon! Elo questo el gusto che l’ha chiappà alla poesia? Ah, pur troppo l’è vero! Le donne son volubili.

Come del cielo instabili le nubili. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License