Carlo Goldoni
Il poeta fanatico

ATTO TERZO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Beatrice e detto.

 

BRIGH. Cara siora padrona, per carità, la senta ste ottave balzane.

BEAT. Va dal signor Tonino, portagli la cioccolata per lui e per la sua consorte.

BRIGH. La cioccolata?

BEAT. Sì, la cioccolata, con i suoi biscottini.

BRIGH. Come ala fatto mai a cambiarse a favor de sto forestier? La lo trattava da scrocco, da impostor, da vagabondo, e con tanto amor la ghe parecchia la cioccolata?

BEAT. Ho conosciuto che è un giovane virtuoso, onorato e dabbene; e per questo lo votrattar come merita.

BRIGH. Donca podemio sperar che ella no la sia più tanto nemiga della poesia?

BEAT. Ho principiato a pigliarvi un poco di gusto.

BRIGH. Da vero?

BEAT. Così è certamente.

BRIGH. Quando l’è cussì, la me fazza una grazia. La senta sto par de ottave balzane.

BEAT. Non voglio sentir niente.

BRIGH. La ghe ne senta almanco una.

BEAT. Sbrigati.

BRIGH. Una sola, per carità.

BEAT. (Oh che seccatori che sono questi poeti!) (da sé)

BRIGH.

Montò a caval d’una montagna un’occa,

Sfidando ai pugni un orso barbaresco;

E un albero senz’occhi e senza bocca

La furlana ballò con un Todesco.

Un gatto s’innamora d’una rocca,

Una cicala si mangiò un pan fresco,

Un becco s’affatica notte e giorno,

E un cervo astuto gli regala un corno. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License