Carlo Goldoni
Il poeta fanatico

ATTO TERZO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Ottavio, Rosaura, Florindo e detti.

 

OTT. Evviva gli sposi. Adriatico Pantalonico, Cintia Sirena, ecco uniti, stretti e coniugati nell’amoroso laccio matrimoniale Fidalma Ombrosia e Breviano Bilio. Destate le vostre Muse dal neghittoso silenzio, e cantate epitalamici versi alle glorie d’un così degno connubio.

ELEON. Mi rallegro infinitamente con voi, o felicissimi sposi. Venere sparga il vostro letto di rose, e Amore sia sempre indiviso da’ vostri cuori.

OTT. Oh bellissima prosa, sullo stile del Sannazaro.

FLOR. Vi ringrazio di vero cuore.

ROS. Io pure mi protesto tenuta...

OTT. (Ringraziatela in versi. Ditele quei due versifatti). (piano a Rosaura)

ROS.

Quel nume, che d’amor fa ch’i’ m’accenda,

A voi, Cintia, per me le grazie renda.

OTT. Ah, che ne dite, eh? Avete sentito mia figlia? Si può far di più? Compone anco all’improvviso.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License