Carlo Goldoni
Il poeta fanatico

ATTO TERZO

SCENA SEDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SEDICESIMA

 

Messer Menico col chitarrino, e detti.

 

MEN.

A sti signori fazzo reverenza,

E li prego volerme perdonar,

Se alla prima con tanta impertinenza

Co sto mio chitarrin vegno a cantar.

Protesto esser vegnù per obbedienza,

Per perder certo, e no per vadagnar.

Tutta la gloria e la vittoria cedo

Al poeta mazor, che in fazza vedo.

TON.

Compare mio, per quel che sento e vedo,

Vu , come son mi, bon venezian,

Onde de provocarme ve concedo.

Cantemo, se volè, sin a doman.

Che voggiè rebaltarme mi no credo.

Perché saressi un tristo paesan;

Ma mi ve renderò pan per fugazza,

Se vederò che siè de trista razza.

MEN.

Mi poeta no son de quella razza,

Ch’altro gusto no gh’ha che criticar.

Lasso che tutti diga e tutti fazza,

E procuro dai altri d’imparar.

Vorria saver da vu, come che fazza

Una donna più cuori a innamorar.

E bramaria che me disessi ancora,

Se la donna anca ella s’innamora.

TON.

La donna qualche volta s’innamora,

Perché fatta la xe de carne ed osso;

Ma quando con più d’un la se tra fora,

Crederghe certamente più no posso.

Parerà che la pianza e che la mora;

Ma mi sta malignazza la cognosso;

So che quando la finze un doppio affetto,

No la gh’ha per nissun amor in petto.

MEN.

Pol darse che le gh’abbia amor in petto

Per uno, e che le finza con quell’altro.

Pol esser che le ama un solo oggetto,

E le finza con do coll’occhio scaltro.

Ma stabilir no voggio per precetto,

Che la donna tradissa e l’uno e l’altro.

Le donne, che in speranza molti tien,

Le porta sempre el più diletto in sen.

TON.

La donna, che fedel gh’ha el cuor in sen,

No se butta con questo e po con quello,

Perché la sa che farlo no convien,

E al so moroso no la martello.

Ma quella che a nissun za no vol ben

No se schiva con tutti a far zimbello.

Onde chi fa l’amor con più de un,

Compare mio, non amerà nissun.

MEN.

Compare, disè ben, no gh’è nissun

Che possa contradir quel che disè.

De provocarve esser vorria a dezun,

Perché vu più de mi ghe ne savè.

Pur in sta radunanza gh’è qualcun,

Che creder fa che un impostor vu siè.

Ma mi, che son poeta e venezian,

Digo che, chi lo dise, xe un baban.

LEL. Chi lo dice son io, e sostengo che quello è un impostore, e voi un ignorante. Non voglio più soffrire simili impertinenze. Con questa sorte di gente non mi degno di stare in società. Vada al diavolo l’accademia, straccio la patente, e non mi vedrete mai più. (parte)

OTT. Ah, sacrilego profanatore delle vergini Muse! Ma non importa. Vada al diavolo quel satirico pestilenziale. Faremo senza di lui.

MEN.

Missier Alcanto, no ve desperè,

Se Ovano Pazzio alfin v’ha abbandonà,

Che dei Ovani ghe ne troverè,

E dei pazzi poeti in quantità.

Esser poeta bona cossa xe,

Che onor, decoro alle persone .

Ma in chi la sol usar senza misura,

La poesia deventa cargadura.

TON.

E più sorte ghe xe de cargadura

Rispetto al gusto della poesia.

Gh’è quelli che ogni piccola freddura

I corre a recitarla in compagnia.

Gh’è chi crede coi versi far fegura,

E se mette per questo in albasia.

E gh’è de quei, che invece de panetti,

I se la passa via con dei sonetti.

OTT. Bravo, evviva.

FLOR. Bravo, evviva. Ma io non voglio essere certamente nel numero dei fanatici. Signor suocero caro, con vostra buona grazia, conduco a casa mia moglie. Ella qualche volta comporrà per piacere, ma, per l’accademia, di noi non fate più capitale.

OTT. Come! Siete voi diventato pazzo?

FLOR. Pazzo sarei, se per cagion dei versi e delle rime abbandonar volessi gl’interessi della mia famiglia.

OTT. Bene, abbadateci voi, e non impedite che mia figlia faccia onore a sé, alla mia casa, alla città tutta.

FLOR. Rosaura è cosa mia; voglio che alla casa mia faccia onore; e questo succederà, se ella apprenderà le regole d’una buona economia. Signor suocero, vi riverisco. Eccovi le vostre patenti.

OTT. Ah traditore! E voi, Rosaura, avete cuore d’abbandonarmi?

ROS. Verrò a vedervi.

OTT. Comporrete voi?

ROS. Per l’accademia mai più.

OTT. M’avete detto sempre, sempre,

ROS. Ed or vi dico, mai più.

FLOR. Signor suocero...

OTT. Andate via.

ROS. Signor padre...

OTT. Ingratissima figlia!

FLOR. Venite nella vostra camera, che vi aspetto. (a Rosaura)

Più della poesia fia dolce cosa

L’ore liete passar fra sposo e sposa. (parte)

OTT. Che tu sia maledetto.

ROS.

Del mai, del sempre il senso questo fu,

D’amarlo sempre, e non compor mai più. (parte)

OTT. Oh cara! Oh che versi! E dovrò perderla? E non la sentirò più comporre? Moglie mia, voi resterete vedova.

BEAT. Il cielo lo faccia presto.

MEN.

In fatti no ghe xe piacer al mondo

Mazor de quel d’un matrimonio in pase.

L’omo colla muggier vive giocondo,

Quando la cara compagnia ghe piase.

Ma po el deventa tristo e furibondo,

Se el trova una de quelle che no tase.

Ghe ne xe tante, che gh’ha un vizio brutto,

Che le vol contradir e saver tutto.

TON.

Anca mi lodo certo, sora tutto,

El benedetto e caro matrimonio,

Ma presto ogni contento vien destrutto,

Quando de gelosia ghintra el demonio.

O che bisogna che el mario sia mutto,

O che el ghe trova più d’un testimonio;

E quando che cussì nol pol placarla,

Bisogna che el se sforza a bastonarla.

OTT. Cari amici e compastori, voi mi consolate della perdita dolorosa che ho fatto. Staremo qui fra di noi. Cintia Sirena non ci abbandonerà.

ELEON. Perdonatemi. Fino che vi era fra gli accademici vostra figlia, io pure poteva starci. Ora una donna sola non istà bene; onde me ne vado ancor io, e non mi vedrete mai più; prendete la vostra patente.

OTT. Vi è mia moglie.

BEAT. Io non sono poetessa.

ELEON. Sentite? Ella non è poetessa, ma il signor Tonino la farà diventare.

Presto si riempirà d’un nuovo estro,

Sotto l’abilità d’un tal maestro. (parte)

MEN.

No ve stupì se la xe andada via,

Che questa delle donne xe l’usanza,

Muar sistema nella fantasia,

E poderse vantar dell’incostanza.

Diseghe, se la va, bondì sioria,

Che delle donne ghe ne xe abbondanza.

No ghe ne manca no de ste mattone,

Ma pochettine ghe ne xe de bone.

TON.

Saveu perché ghe n’è poche de bone?

Perché i omeni i xe pezzo de elle.

L’omo ghe dona el titol de parone,

E superbe el le fa col dirghe belle.

Elle, che no le xe gnente minchione,

Le ne vorave scortegar la pelle;

Tutte le ne maltratta a più no posso,

E i pi cazzar nu se lassemo addosso.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License