Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE GIOVANILI E POESIE DIVERSE FINO AL 1748

Comparsa di bella donna

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Comparsa di bella donna

 

Un , che i miei pensier mi facean guerra

Minacciandomi al sen aspra rovina,

Orbefatto restai da pellegrina

Beltà, ch’al primo sol sguardo m’atterra.

Con una idea, che a giudicar non erra,

Discorreva così l’alma meschina:

O sono in ciel, ed è beltà divina,

O divina beltade è scesa in terra.

In ciel non già, ch’un portamento, un brio.

Una grazia, uno sguardo, un rezzo, un riso,

Non appaga dell’alma il bel desio.

Fra’ mortali ne men, ch’un sì bel viso

Mai si vide quaggiù; è il pensier mio

Che mi tien fra la terra e il paradiso.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License