Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE GIOVANILI E POESIE DIVERSE FINO AL 1748

Accidente amoroso

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Accidente amoroso

 

Nella vaga stagion che i prati indora,

Dietro un fonte gentile i’ mi posava,

E disteso sul suol pascendo andava

Le pupille lascive in seno a Flora.

Quando nell’apparir di vaga aurora,

Vidi la donna mia che si specchiava

Ne’ limpidi cristalli, ove lavava

Le mani, il volto, e ‘l vago petto ancora.

Volea scoprirmi, e timoroso amante

Ver l’amata beltà la mano io stendo,

Ma ritiraila poi tutto tremante.

Mentre la bella Dea sdegnar temendo,

Mi contento fra doglie e pene tante,

Viver penando, e poi morir tacendo.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License