Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE GIOVANILI E POESIE DIVERSE FINO AL 1748

La bella brunetta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

La bella brunetta

 

Amor, un giorno che ritrar volea

Ne’ miracoli suoi forma sincera,

Studiò compor effigie propria e vera,

Che spiegasse quel bel ch’egli intendea.

Ei che, astuto garzon, amar solea

L’oscura notte a’ suoi piacer foriera,

Scolpì corpo gentile, e poscia nera

Colorì con piacer la bella idea.

Di foco egli si pasce, e a lei di foco

Nel sen gli pinse il cor, onde colei

Si vedeva nel volto arder non poco.

Gli pinse i stral negli occhi, e ne’ capei

Pinsegli i lacci, ov’ei si prende gioco;

Bruna la pinse, e ne fe’ un dono a’ Dei.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License