Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE GIOVANILI E POESIE DIVERSE FINO AL 1748

Per la laurea nell’una e l’altra legge del sig. Boniforte Busseti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Per la laurea nell’una e l’altra legge

del sig. Boniforte Busseti

 

Presso al piede gentil d’ombrosa pianta

Stavo, fuor di me stesso, al sonno in braccio,

Quando donna del ciel, per cui mi sfaccio,

Con dolcezza svegliommi, e voce santa:

Tu dormi, disse, e faticar si vanta

Per Busseti ogni eroe, cui mi confaccio.

Deh spezza ormai quel neghittoso laccio,

Prendi lena, o garzon, svegliati, e canta!

Prendi tua cetra, e va cogli altri a gara.

La Gloria io son, che ti darà il coraggio,

Onde a cantare i merti suoi ti appara.

S’ebbe egli nobiltà dal suo legnaggio.

E dagli avi il valor, esser impara

Bensì subito forte allor che saggio.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License