Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE GIOVANILI E POESIE DIVERSE FINO AL 1748

Per la laurea nell’una e l’altra legge del sig. Bernardino Cavalieri. Si allude al cavaliere armato nello stemma gentilizio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Per la laurea nell’una e l’altra legge del sig. Bernardino Cavalieri.

Si allude al cavaliere armato nello stemma gentilizio

 

Ne’ campi un giorno venerati e santi

A caso giunse ove la Gloria ha il seggio,

Quando armato Guerrier brillare io veggio,

Che sfidava a tenzon la Dea de’ vanti.

Giva fastoso e conduceasi inanti

Di vittorie e trofei lungo corteggio;

Toglie l’elmo dal capo, ed io m’avveggio

Ch’eran di Cavalier quo’ bei sembianti.

Precipitò la saggia Dea dal trono,

E strignendolo al sen così ragiona:

Ferma, invitto campion, l’ardir perdono.

Io compagna sarò di tua persona,

Tua rival non giammai, onde ti dono

In pegno di mia fe’ questa corona.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License