Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE GIOVANILI E POESIE DIVERSE FINO AL 1748

Al principe della antedetta Accademia, che avea proposto il seguente problema: se abbia piu forza nell’uomo l’estremo dolore o l’estrema allegrezza. Detto nell’Accademia de’ sig. udinesi 1725

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Al principe della antedetta Accademia, che avea proposto il seguente problema:

se abbia piu forza nell’uomo l’estremo dolore o l’estrema allegrezza.

Detto nell’Accademia de’ sig. udinesi 1725

 

Se più forza ha nel cuor l’estremo pianto,

O più vigor l’estremità del riso,

Mi chiese un giorno il pastorello Alcanto,

Quel che l’acque bevé del biondo Anfriso.

Quell’estremo dolor che muove al pianto,

Gli risposi costante, io non ravviso:

Dacché guido la mandra, il dolce canto

Sempre fu meco, ho sempre lieto il viso.

Ricchezza non ebb’io, che non chiedei,

Ma se ninfa gentile un tempo amai,

Vidi sorte cortese ai desir miei.

L’allegrezza nel cuor sempre provai,

Onde, che sia dolore, io non saprei,

E prego il Ciel di non saperlo mai.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License