Carlo Goldoni
Componimenti poetici

IL QUARESIMALE IN EPILOGO DEL PADRE GIACOMO CATANEO

PREDICA VII Del perché del male che ci sovrasta.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PREDICA VII

Del perché del male che ci sovrasta.

 

1 Iddio naturalmente inclinato al nostro bene.

2 Il peccato sola cagione del nostro male.

3 Levato il peccato, si leva la causa al male.

 

SONETTO

 

L’alta pietà dell’increato amore

Non ha stral per munir l’arco di pace;

E, se pur arde di sdegnosa face,

Porge l’esca alle fiamme il nostro errore.

Pena è d’empio fallir quel rio dolore,

Per cui il miser mortal si strugge e sface;

A mille danni il peccator soggiace,

Inimico rubel del suo Signore.

Tacciar gl’influssi d’innocenti stelle

Per segreta cagion de’ nostri mali

Son d’Astronomi rei false novelle.

Si consiglino al ver le menti frali,

E correggendo le sue colpe felle,

Cesseranno del Ciel gl’acuti strali.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License