Carlo Goldoni
Componimenti poetici

IL QUARESIMALE IN EPILOGO DEL PADRE GIACOMO CATANEO

PREDICA VIII Del maggior inimico dell’Uomo.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PREDICA VIII

Del maggior inimico dell’Uomo.

 

1 L’Uomo stesso è il maggior nemico dell’ Uomo, più grande del Demonio.

2 Inimico, che ha tutta la forza sovra le nostre anime.

3 Tanto più da temersi, quanto più medesimato con noi.

 

SONETTO

 

Il più feroce di que’ tre nemici

Ch’all’Uom fan guerra, il Demon empio e rio,

Ch’astrignesse al peccar unqua s’udio

Coll’empie trame, lusinghiere ultrici.

L’essempio sol de’ simulati amici

Rende vizioso il costumato e pio;

In quella guisa che infangato rio

Sporca le passeggiere onde felici.

Il più santo, il più saggio, e scherza, e ride

Del nemico infernal; né l’ardue teme

Sue tante prove un più fedele Alcide.

Indi forz’é ch’interizzito treme

Al sconcertato suon di bocche infide,

Ch’han tre nemici collegati insieme.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License