Carlo Goldoni
Componimenti poetici

IL QUARESIMALE IN EPILOGO DEL PADRE GIACOMO CATANEO

PREDICA XI Dell’impenitenza finale.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PREDICA XI

Dell’impenitenza finale.

 

1 Difficile per il tempo.

2 Difficile per il modo.

3 Difficile per la volontà.

 

SONETTO

 

Stolto nocchier, che riposando in porto,

Quando spira gentil zeffiro ameno,

Spezzato poscia agl’aquiloni il freno,

Si dona al mar, ed è dall’onde assorto;

Del gran periglio nel periglio accorto,

D’improviso timor tutto ripieno,

Perde moto e favella in un baleno,

Sepolto prima dal dolor, che morto.

Cerca al legno attaccar la man tremante,

E ricusando di prestargli aita,

Va sommerso il meschin nel sen spumante.

tenta altrove al suo morir l’uscita,

Che, qual già visse, vuol morire, amante

Della nave assai più che della vita.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License