Carlo Goldoni
Componimenti poetici

IL QUARESIMALE IN EPILOGO DEL PADRE GIACOMO CATANEO

PREDICA XIII Dell’orazione infruttuosa.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PREDICA XIII

Dell’orazione infruttuosa.

 

1 Per diffetto dell’orante.

2 Per diffetto dell’orazione.

3 Per diffetto del fine.

 

SONETTO

 

Chieder mercedi, e meritar flagelli,

Stanca del pio Signor l’alta clemenza;

Umile il labbro e torbida coscienza

Mal stanno uniti ingannator rubelli.

L’indecente pregar d’animi imbelli

Non ha graziosa al suo desir sentenza;

Per ritrovar nel Ciel pietosa audienza,

Forz’è che in Terra l’umiltà favelli.

Spesso non son le calde preci intese,

Perché chiedendo un beneficio indegno,

Dassi uno sfregio al donator cortese.

Se posto fosse a più sublime impegno,

Lieto soddisferìa nostre pretese,

Se chiedessimo ancor tutto il suo Regno.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License