Carlo Goldoni
Componimenti poetici

IL QUARESIMALE IN EPILOGO DEL PADRE GIACOMO CATANEO

PREDICA XVIII Dell’amore di Dio.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PREDICA XVIII

Dell’amore di Dio.

 

1 Grande per la sproporzione.

2 Grande per la pretensione.

3 Grande per la qualità.

4 Grande per la generosità.

 

SONETTO

 

Dio sommo, eterno, intelligenza pura,

Trina ed una sostanza, ente increato,

Di sé stesso contento, in sé beato,

È l’amante di vil rozza creatura.

Preso è così dall’amorosa arsura,

Che dell’esser di Dio quasi spogliato,

E culla, e tomba, ed ogni strazio ingrato

Volle incontrar con affannosa cura.

E oh somma virtù d’amor divino!

Spiccò il gaudio su ‘l volto al Redentore,

Quando il calice al labbro avea vicino.

Amor richiede in ricompensa amore;

E, se quaggiù non regna amorfino,

Si contenta Gesù del nostro cuore.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License