Carlo Goldoni
Componimenti poetici

IL QUARESIMALE IN EPILOGO DEL PADRE GIACOMO CATANEO

PREDICA XXVIII Del Peccato mortale.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PREDICA XXVIII

Del Peccato mortale.

 

1 Bruttissimo per l’orrore che porta a Dio.

2 Bruttissimo per l’orrore che porta in sé.

3 E per i danni che imprime nell’anima.

 

SONETTO

 

Peccato: ahi nome! alla pietà divina

Opposta tirannia, perfido, atroce,

Suono contrario alla sua santa voce,

Che al dispregio di Dio mai sempre inclina.

Peccato: ahi mostro! d’ogni ria rovina

Empio ministro, esecutor feroce,

Nemico traditor, che sempre nuoce,

D’ogni merto dell’alma empia rapina.

Peccato: ahi forza! che nel cuor informa

Del misero mortal sua ria figura,

E l’alma priva dell’antica forma.

Peccato: ahi pena tormentosa e dura!

Possibil fia, che il peccator si dorma

In perigliorio notte sicura?

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License