Carlo Goldoni
Componimenti poetici

IL QUARESIMALE IN EPILOGO DEL PADRE GIACOMO CATANEO

PREDICA XXIX Del Tempo.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PREDICA XXIX

Del Tempo.

 

1 Quanto sia egli prezioso.

2 Quanto malamente s’impieghi.

3 Quanto sia egli vendicatore.

 

SONETTO

 

Tempo, di cui la momentanea luce

Nata, e rinata, e nata insieme, e morta,

Tanto può, tanto val sua fida scorta,

Che alla soglia del ciel l’alma conduce.

Ma se l’indegna vanità l’induce,

Ben mille danni al peccatore apporta,

E al nero pian della tartarea porta

Guida il meschin accelerato duce.

Arde sdegnato il donator fugace

Per l’indegno dispregio a’ suoi tesori,

E pietà cambia in isdegnosa face.

Indi, se fia ch’agonizzante implori

Da Lui qualche pietà l’uomo mendace:

Troppi, risponde, io ti donai favori.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License