Carlo Goldoni
Componimenti poetici

IL QUARESIMALE IN EPILOGO DEL PADRE GIACOMO CATANEO

PREDICA XXX Delli scrupoli.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PREDICA XXX

Delli scrupoli.

 

1 Scrupoli d’una divozione arbitraria, e non d’una obligazione precisa.

2 Scrupoli d’una trasgressione leggiera, e non d’un più grave peccato.

3 Scrupoli d’una legge che piace, e non d’una legge che obbliga.

 

SONETTO

 

O al vento sparse da pietà mendace

Opere infide, al divin Padre odiose!

Sotto ipocrito vel colpe nascose,

Spoglie del vizio, ond’ei trionfa in pace.

O dolor finto! per cui par si sface

L’anima, che a leggier fallo s’espose,

E le colpe più rie nel seno ascose

Sembrano al peccator nidi di pace.

O desir vano di servir costante

A una legge che aggrada, e spregiar poi

Quelle del pio Signor leggi più sante!

Virtute e vizio fur mai sempre doi

Fieri nemici, con discordie tante;

Ma insieme uniti, fan più guerra in noi.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License