Carlo Goldoni
Componimenti poetici

IL QUARESIMALE IN EPILOGO DEL PADRE GIACOMO CATANEO

PREDICA XXXIII Panegirico di Maria Vergine Addolorata.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PREDICA XXXIII

Panegirico di Maria Vergine Addolorata.

 

1 Per amor tenero.

2 Per amor savio.

3 Per amor forte.

 

SONETTO

 

Delle viscere mie parte più cara,

Tu peni e mori, e non morir poss’io?

Ahi tiranna pietà del dolor mio!

Ahi vita molto più di morte amara!

Mori, figlio diletto; ahi morte avara,

Che mi togli dal seno un figlio Dio,

Un monarca del Ciel benigno e pio,

Da cui pietade a intenerirsi impara.

Vanne pure a morir, che se il gran Padre

      In te vuole adempir l’aspra vendetta,

Io pur debbo volerlo allor che Madre.

Mori pur, figlio, che se a te si aspetta

Carpir l’uomo crudel da mani ladre,

M’affligge il tuo dolor, e mi diletta.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License