Carlo Goldoni
Componimenti poetici

IL QUARESIMALE IN EPILOGO DEL PADRE GIACOMO CATANEO

Finito il quaresimale parla l’autore al molto reverendo padre Giacomo Cataneo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Finito il quaresimale parla l’autore

al molto reverendo padre Giacomo Cataneo

 

SONETTO

 

Saggio Orator, del secol nostro onore,

Del gran Sole alfrican figlio ben degno,

Mercé del vostro luminoso ingegno,

Piagne sconfitto il pertinace errore.

Chi la mente pascea d’indegno amore,

Chi nel seno nudrìa superbo sdegno,

Cede pietoso ad ogni vano impegno,

E sano rende l’impiagato cuore.

Anch’io piansi dolente il fallo mio,

Ma veggendo nel cuor forzefrali,

Nuove ingiurie temei dal mostro rio;

Onde per scampo de’ futuri mali,

Di serbar in eterno ebbi desìo,

Per abbatter la colpa, i vostri strali,

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License