Carlo Goldoni
Componimenti poetici

IL QUARESIMALE IN EPILOGO DEL PADRE GIACOMO CATANEO

Risposta del sig. Carlo Goldoni al sig. Tomaso Toso

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Risposta del sig. Carlo Goldoni

al sig. Tomaso Toso

 

Signor, bacio col pianto i tuoi portenti

E grazie rendo al generoso stile;

La via segnata in verdeggiante Aprile,

Come franco tu scorri a lumi spenti!

Poiché accordasti i tuoi sublimi accenti

Al rauco suon della mia cetra umile,

Esser potria che meno incolta e vile

Piacesse un giorno alle future genti.

Tua chiara luce in tenebrosi errori

All’eccelse d’Apol sagre cortine

Fia che mi guidi a coltivar gli allori.

Bastaci per poggiar l’alto confine

Gl’interni della mente almi splendori,

Ch’occhio non può mirar cose divine.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License