Carlo Goldoni
Componimenti poetici

SONETTI SACRI

PREDICA III   Della dilezione degl’inimici. Conviene amar gl’inimici, perché

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PREDICA III

 

Della dilezione degl’inimici.

Conviene amar gl’inimici, perché

 

1 Dio lo comanda con autorcome Legislatore.

2 Dio ci esorta coll’esempio, come Redentore.

3 Dio c’incita col premio, come Glorificatore.

 

SONETTO

 

Parlò Dio colla Terra, e a quanto impose,

Obbedendo, produsse e piante, e frutti;

Parlò col Mare, e imprigionò i suoi flutti;

Sol un cenno di Dio l’aere dispose.

Parlò Cristo coll’Uomo, e lui propose

L’inimico ad amar, e benché tutti

Abbia i rigori del precetto addutti,

Alla legge d’un Dio l’Uomo si oppose.

Se non temi il comando, ecco il mio esempio,

Disse il pio Redentor, con cui ti esorto,

Con cui t’invito a guiderdone eterno;

Ma il superbo Mortal, barbaro ed empio,

Giura vendetta, e in mar di sdegno assorto,

Non teme, non s’arrende, e vuol l’Inferno.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License