Carlo Goldoni
Componimenti poetici

SONETTI SACRI

PREDICA VII   Dello spirito immondo cioè del Senso. Lo spirito di Sensualità è

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PREDICA VII

 

Dello spirito immondo cioè del Senso.

Lo spirito di Sensualità è

 

1 Capo di ogni perversione.

2 Fonte di cieca ostinazione.

3 Meta di certa reprovazione.

 

SONETTO

 

Come prodotte in Dio dalla divina

Natura sue virtù sono infinite;

L’immondo in sé tutte ha le colpe unite,

Perché contro di Dio se stesso inclina;

E cotanto saffigge in cor la spina,

Che, rese familiari, le ferite

O non sente, o non cura; onde inasprite

 Fan nell’estremo la sua rovina:

cangiar potrà in morte il reo costume;

Quale non si cangió la forsennata

Jezabelle lasciva in suo periglio.

Non perché manchi della Grazia il lume,

Ma perché la coscienza abituata

Di fede e di ragion perse il consiglio.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License