Carlo Goldoni
Componimenti poetici

SONETTI SACRI

PREDICA VIII   Delli tre caratteri dell’amor nostro verso Dio. Deve essere

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PREDICA VIII

 

Delli tre caratteri dell’amor nostro verso Dio.

Deve essere

 

1 Magnanimo nella sofferenza.

2 Fedele nell’operazione.

3 Costante nella durazione.

 

SONETTO

 

Vero amante è quel sol, che al suo diletto

Uniforma se stesso; onde non ama

Dio, chi forte nel cor seguir non brama

Colla croce sul dorso il caro obbietto.

Magnanimo, fedel, costante affetto

Soffre, ed opera, e dura, e mai disama;

Ma un tiepido amator da Dio si chiama

Nella legge d’amor spirto imperfetto.

Ed a ragion: se chi lontan lo segue,

Come Pietro al Pretorio, a poco a poco

Il Maestro divin perde di vista.

Anco l’empio Pilato non persegue

Gesù, ma l’abbandona all’onta, al gioco,

Al barbaro furor di turba trista.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License