Carlo Goldoni
Componimenti poetici

SONETTI SACRI

PREDICA XVI   Delli castighi di Dio. Dio castiga

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PREDICA XVI

 

Delli castighi di Dio.

Dio castiga

 

1 Come Giudice vendicativo, perché si ha peccato.

2 Come Padre pietoso, perché non si pecchi.

3 Non ostante la sua Giustizia e la sua Pietà, si pecca.

 

SONETTO

 

Quella sterminatrice, onnipossente

Destra di Dio, che fulminando opprime,

Pari terror colle sue stragi imprime

Ed al reo contumace, e all’innocente.

Ora giusto flagella, ed or clemente

La sua Pietà co’ suoi flagelli esprime;

Spesso Giudice irato i rei deprime,

Pietoso Genitor sferza sovente.

Vuol che il reo si converta, e lo punisce,

Vuol che ‘l giusto lo tema, e lo percuote:

Sempre Giudice pio, Padre amoroso.

Ma in faccia al Genitor che l’ammonisce,

Al suo Giudice in faccia, evvi chi puote

Colla sferza sul dorso esser vizioso.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License